Rattodichina ha fatto dell’Indipendenza Web uno scopo di vita e uno degli obiettivi da raggiungere per tutti i propri lettori insieme ad altri due capisaldi: guadagnare liberi con le proprie passioni e vivere di web.
Se sei un lettore assiduo del blog lo dovresti sapere 😉

Ma se invece ti serve un input per partire alla grande puoi visitare quello che io definisco Web Route. Un percorso che io stesso ho seguito e che mi ha portato a vivere di web in maniera libera e indipendente.

Se invece sei nuova o nuovo non scoraggiarti: questo articolo è dedicato proprio a te che hai deciso di darmi fiducia e usare le tue doti per conquistare la tua indipendenza web.
Dopo la lettura di questo articolo, il mondo del web ti sembrerà diverso e ricco di nuove opportunità utili per esaltare le tue doti migliori.

Per me è stato così 😉

Se mi concederai un po’ di pazienza ti mostrerò cosa è l‘indipendenza web e come sia possibile ottenerla per guadagnare liberi.

miglior hosting prestashop

Indipendenza web: partiamo dalle basi

Quando ho pensato di aprire (anzi sarebbe meglio dire riaprire) il mio blog ho pensato a quali fossero le mie necessità e, dopo qualche mese di riflessione, nella mia mente volavano libere tantissime domande.

Voglio guadagnare? Voglio diventare famoso? Voglio riprendere qualcosa interrotta qualche anno fa? Voglio riappropriarmi della mia libertà?

Si, queste e molte altre domande mi frullavano per la testa. Le domande erano chiare. Le risposte un po’ meno.
Avevo abbandonato letteralmente il mio vecchio blog, risultato di tantissime altre prove degli anni precedenti, nel 2006 affacciandomi a quello che all’epoca era la novità del nuovo millennio: Facebook, il social network per eccellenza.

Mi sembrava una cosa straordinaria! Potevo scrivere tutto quello che volevo, senza limiti e in maniera assolutamente gratuita.
Inoltre tutto quello che scrivevo era automaticamente visto da tutti.
In pratica quello che facevo prima con il mio blog, ma potenziato all’ennesima potenza.

everest rattodichina

Indipendenza Web: Facebook e altri Social Network

Scrivevo, postavo foto, condividevo, mettevo “mi piace”… insomma avevo tutta la libertà che mi serviva. Inoltre avevo raggiunto anche i miei vecchi compagni di scuola grazie a Facebook e la cosa mi piaceva moltissimo!
Facebook aveva creato una maglia fittissima composta da ricordi e libertà di pensiero.

Un mondo che rasentava la perfezione.

Poi, continuandolo a usare, mi accorsi che così non era.
Facebook per me stava diventando una sorta di strumento di distrazione. Un luogo di incontro dove 5 minuti diventavano 3 ore senza che te ne accorgessi.
Una piazza virtuale dove tutti dicevano tutto e il contrario di tutto.

Cominciai a sentire puzza di “perdita di tempo” e non potevo permettermelo.
Nel 2006, proprio subito dopo la laurea, dovevo spendere tutte le mie energie per costruirmi una posizione lavorativa e usare le mie risorse (tempo compreso) per mettere a frutto ciò che avevo imparato.
Non potevo stare lunghi pomeriggi a chattare o a vedere foto inutili postate da chiunque.

Però al tempo stesso non potevo abbandonare il mio profilo. A me piaceva scrivere e mi piaceva comunicare.
Come avrei fatto sapere ai miei amici ciò che pensavo?
Come avrei comunicato visto che il Blog non ce l’avevo più e Facebook sembrava un fiume in piena che travolgeva le mie parole e i miei pensieri?

Ma c’era un errore che stavo commettendo e credimi se ti dico che ancora oggi me ne pento.
Non avevo capito per nulla le potenzialità infinite di quella piattaforma.

Avevo visto l’aspetto ludico di Facebook, ma non avevo ancora intuito le enormi possibilità che mi poteva dare per guadagnare!
Sono stato miope da morire!

E quando ripresi in mano lo strumento Facebook, nel 2011, i Social Networks fioccavano e ce n’erano già troppi per potermi ritagliare lo stesso spazio che avevo prima.
Facebook, Instagram, Linkedin, Google+, e via dicendo… C’era un Social Network per ogni cosa.

Mi riaffacciai al mondo dei social network solo per comprendere che avevo sbagliato intuizione e che quello che sembrava uno strumento di distrazione di massa, in realtà era un mondo pieno di opportunità.

Indipendenza web: come capii che si poteva guadagnare con Facebook

guadagnare con facebookFacebook, social network per eccellenza, faceva una cosa così banale ma anche geniale.
Profilava con precisione chirurgica tutti i suoi iscritti.

In fase di iscrizione ti faceva (e fa tutt’ora) una miriade di domande affinchè chi ti vuole trovare riesca a farlo.

Qualche esempio?

Vuoi sapere se una ragazza è single? Basta guardare le informazioni del suo profilo.
Vuoi sapere per quale squadra tifa il tuo vicino di casa? Guardi il suo profilo e lo capisci.
Cerchi un modo per conquistare la simpatia del tuo capo ufficio? Vai sulla sua bacheca e guardi quali sono le sue passioni.

Oggi questo cose sembrano scontate, ma per noi che siamo cresciuti davanti a chat con schermi bianchi e solo un nickname sul quale fare affidamento, sembrava proprio una rivoluzione.

Ma la rivoluzione più grande era quella di natura commerciale: se Facebook profilava tutti significava anche che aveva le informazioni di tutti e di conseguenza poteva far vedere contenuti di una certa categoria solo a chi veramente fosse interessato.

BOOM!

Fu questo il suono che sentii nella mia testa quando capii cosa stava succedendo sul web.
Io volevo vendere qualcosa? Facebook mi avrebbe aiutato!
Volevo far sapere l’evoluzione della mia carriera? Facebook mi avrebbe dato una mano!
Altro che distrazione di massa: era una bolla che prima o poi sarebbe scoppiata!

don't like indipendenza web

Facebook decide di cambiare algoritmo

Si, proprio quando capii che grazie a Facebook si poteva guadagnare, il buon Mark decise di cambiare algoritmo.
Basta risultati gratuiti! Chi vuole risultati dovrà pagare!

Sul tuo diario i contenuti che metti scendono più rapidamente.
Dalla pagina Facebook solo il 4% di chi ha messo mi piace vedono i contenuti che hai postato.
E se vuoi ottenere gli stessi risultati di prima… devi pagare.

Però, se da un lato Facebook aggiunge un servizio a pagamento, dall’altro ci fornisce degli strumenti pazzeschi e chi vuole può analizzare i propri risultati.

Per esempio se prima avevi 10000 mi piace sulla pagina facebook e postavi un contenuto, lo vedevano tutti e solo chi era interessato acquistava quel prodotto o leggeva il tuo post.
In pratica sparavi nella mischia sperando di raggiungere più persone possibile.

Oggi invece puoi ragionare a imbuto e calcolare con precisione il pubblico target (anche fuori dal tuo account o dalla tua pagina) e ottenere i risultati che desideri.

freedom web

“Aspetta Rattodichina. Non capisco. Perchè questi discorsi se voglio capire cosa è l’indipendenza web?”

Si, hai ragione. Mi sono dilungato, ma per un motivo ben preciso: Facebook continua a cambiare algoritmo, cambiare grafica, cambiare le regole.
E se prima Facebook era visto come il massimo della libertà, adesso per me rappresenta la prigione.

Facebook oggi è GRANDE. Troppo grande. E come tutti i GRANDI, vuole tutto per sè.
Attualmente ha circa 1,7 miliardi di iscritti in tutto il mondo.
Siamo quasi a 2/3 della popolazione mondiale.
Se sei curioso di sapere altri numeri spaventosi di Facebook ti consiglio di leggere questo articolo
In buona sostanza: ha un potere enorme!

Però… parlando di libertà di espressione… ti offro solo qualche spunto di riflessione:

  • Scrivi qualcosa sulla tua bacheca? Dopo 5 secondi è finita chissà in quali meandri del web.
  • Torni sul tuo profilo dopo 2 anni per capire cosa scrivevi in merito a una vicenda in particolare? Stai sicuro che non la troverai!
  • Decidi di aprire una pagina Facebook per gestire il tuo business? Se posti un contenuto Facebook lo fa vedere solo al 4% dei tuoi “mi piace”.
  • Vuoi incrementare le tue visite su Youtube e guadagnare con Adsense? Oggi è difficilissimo: li guardi direttamente da Facebook senza passare da Youtube.
  • Vuoi fare lead generation per ottenere più contatti, crearti una lista e monetizzarla trasformando i visitatori in clienti? Mi dispiace: se non li fai atterrare su una pagina del tuo sito web che presenta il prodotto non avverrà mai la conversione.
  • Ti piace scrivere in merito a una tua passione? Facebook fa vedere in prima battuta solo poche righe (troppo poche di solito).
  • Vuoi usare un’immagine con più testo per fare advertising? Puoi farlo, ma paghi di più.
  • Vuoi cambiare impostazione della tua pagina per renderla più originale? Non puoi.
  • Vuoi cambiare note utente? Devi aspettare l’autorizzazione.
  • Vuoi invitare i tuoi amici a mettere mi piace sulla tua pagina? Devi invitarli uno a uno…

Potrei continuare all’infinito, ma mi fermo qui e ti riassumo questo concetto con un unica frase:

Facebook è il padrone e detta lui le sue regole. Tu al massimo puoi solo rispettarle.

rulesEsatto. Proprio così. Dal mio punto di vista Facebook non è simbolo della democrazia dove tutti possono scrivere tutto, anzi è piena monarchia.

Abbiamo uno strumento ma dobbiamo seguire delle regole non decise da noi. In buona sostanza: NON SIAMO INDIPENDENTI.

Ecco però che troviamo altri strumenti web che ci aiutano a SPOSTARE i visitatori da Facebook a una piattaforma esterna: il nostro sito web o il nostro blog.

Il tuo Blog: il regno dove sei tu che detti le regole

Se vuoi fare un blog personale molto probabilmente questa pagina non ti aiuterà moltissimo.
Ma se il tuo obiettivo è quello di diventare totalmente indipendente, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista professionale, allora devi tenere a mente che l’indipendenza web è:

  • Avere uno spazio web tutto tuo. Tu sei l’unico che detta le regole.
  • Usare (e non farti usare) i social networks per portare traffico sul tuo sito web o blog
  • Imparare a usare metodi per vendere ciò che è tuo.

Esatto: 3 semplici regole che però sono di difficile attuazione.

E sai perchè non sono facili da applicare?

  • Perchè per avere uno spazio web tutto tuo dovrai imparare a costruire un sito web o un blog. E dovrai spendere almeno il costo dell’hosting (se vuoi il migliore ed economico usa questo sconto)
  • Perchè per usare adeguatamente i social network per portare traffico al tuo sito web dovrai studiare e testare tantissimo! Anche spendendo un po’ dei tuoi soldini.
  • Perchè per imparare i metodi per vendere sul web dovrai affrontare tappe obbligate e, soprattutto, avere TU qualcosa da vendere.

castle realm

Indipendenza Web: i miei consigli, le soluzione testate su di me

Siamo arrivati alla fine di questo articolo e, sebbene sembra che ancora non siamo arrivati da nessuna parte, mi sento in dovere di consigliarti quale percorso seguire per raggiungere la tua indipendenza grazie al web e guadagnare libero.

Ok, c’è tanto lavoro da fare, ma se vuoi cominciare senza ostacoli e soprattutto avendo la certezza di non sbagliare, la prima cosa che dovrai fare è STUDIARE.
Non improvvisare. Fidati: è assolutamente inutile.

Dopo aver studiato le cose giuste. Dovrai testare i tuoi strumenti. Li dovrai conoscere a menadito!

Dopo, solo dopo che avrai studiato e testato, potrai essere pronto a diventare anche tu un web independent!

Come? Ho preparato per te una pagina dedicata a tutti (dico TUTTI) gli strumenti che ti servono per raggiungere la tua indipendenza sul web e grazie al web e l’ho strutturata come un viaggio, un percorso da seguire.
Ti consiglio quindi di raggiungere la pagina Web Route in cui ti spiegherò quali strumenti ho usato e continuo a usare io e ti consiglio anche la lettura di questo articolo in cui spiego come un investimento di 400 euro circa mi ha permesso di mettere da parte 6300 euro in poco più di 2 mesi.

Indipendenza web: conclusioni

Viviamo ogni giorno sotto le regole dei padroni. Praticamente ogni giorno dobbiamo sottostare a tantissime leggi che non abbiamo deciso noi.

Ma abbiamo una necessità su tutte: comunicare. E se lo vuoi fare in piena libertà, lascia stare i social networks (per carità utilissimi) e comincia a scrivere il tuo blog scegliendo gli argomenti giusti.
Cosa otterrai? Qualcosa che rimarrà tuo per sempre.
Avrai il tuo quartier generale, il tuo regno e detterai tu le regole.

Gratis o a pagamento… scrivi un blog tutto tuo! Oggi stesso!

 

Share This